domenica 2 dicembre 2012

Risveglio con pettirosso

Cosa ci può essere di più dolce che svegliarsi la domenica mattina con il canto di un pettirosso?

Oggi è successo proprio così!
Appena aperti gli scuri della finestra, io e Francesco abbiamo visto il delizioso uccellino sul ramo del ciliegio che, con il suo tipico aspetto paffuto, cantava a squarciagola.
Una vera gioia, come l'inizio di una giornata perfetta!!!



Nonostante il suo habitat ideale siano i boschi, il pettirosso si adatta a vivere in parchi e giardini delle aree urbane, soprattutto nel periodo invernale. 
Essendo fortemente territoriale torna di anno in anno nei luoghi dove ha svernato, scendendo in Italia dall’Europa settentrionale.
Potrebbe essere lo stesso che veniva l'anno scorso a beccare i semi nella mangiatoia appesa al ciliegio quando nevicava (come da foto del post precedente)...oppure nel mio giardino ne abita più di uno!!!
 
Il canto del pettirosso è uno dei pochi che si può udire nelle gelide giornate d’inverno, quando gli altri uccellini sono storditi dal freddo e meno attivi.
Questo piccolo uccellino dagli occhi vispi invece, è di una vivacità inesauribile. 
Il suo volo è lento e breve, spesso si muove sul terreno a lunghi e rapidi balzi e, se incuriosito o eccitato, inclina il corpo oscillando e muove ali e coda.
Fortunatamente in Italia è una specie protetta dalla legislazione vigente.
 

Il suo canto melodioso venne imitato nelle composizioni di Chopin, motivo per cui il famoso musicista veniva chiamato anche “Pettirosso di Varsavia”.
Il  canto semplice e cristallino del pettirosso è particolarmente melodioso durante la stagione riproduttiva, cinguettio tintillante diverso dalla primavera all'autunno.
Contrariamente da altre specie, anche la femmina di questo uccellino, canta.  

Questo è un video girato da un appassionato come me, che è riuscito a cogliere il suono emesso dal pettirosso, proprio come l'abbiamo sentita davanti a casa stamattina.

Sentite che gioia per le orecchie!!

17 commenti:

  1. Cari, che belli questi uccellini! Mi fanno tenerezza perchè li si vede in giardino quando fa un freddo terribile! Non sapevo del soprannome di Chopin.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adorabili vero?
      Ciao Marta!

      Elimina
    2. Ho adottato una coppia di pettirosso ne giardino fuori dall'ufficio dove lavoro ! tutte le mattine appena arrivavo mi aspettavano per la razione quotidiana di pane o biscottini. Questo per più di un mese (metà gennaio fine febbraio) poi ad un certo punto sono spariti non si vedono più ! sono molto preoccupata dove possono essere finiti????

      Elimina
  2. Ciao Ilaria, che bello io non vedo l'ora che i pettirossi tornino anche nel mio giardino!! Ne ho sempre uno nell'alloro :-)) Il loro cinguettio è delizioso e incantevole, non potevate avere buongiorno migliore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia!
      Probabilmente ci sono già anche da te, ma non è sempre facile avvistarli.
      È stato davvero un buon inizio di domenica!

      Elimina
  3. Che post meraviglioso! è bello vedere come le piccole gioie della vita siano quelle che davvero ti colpiscano e ti sorprendano! è proprio vero, la gioia sta nella semplicità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Enrico, troppo buono con i complimenti!
      Pensa che l'ho scritto in dieci minuti presa dalla smania di comunicare sul blog la mia emozione di stamattina.
      Ciao e buona domenica.

      Elimina
  4. Che bellooo! Ma quanto mi piacciono i pettirossi ne vedo spesso zampettare sul nostro terrazzo e di solito mi prende il terrore che possano finire nelle grinfie della mia panterina... ma sono splendidi e da noi c'è il detto che portino fortuna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Portano fortuna sicuramente!
      E portano anche tanta gioia con il loro canto vivace!
      Ciao Laura, buona domenica sera e un bacione.
      Che gola mi hai fatto con il post sulla Fiera dell'artigianato di Milano...

      Elimina
  5. sublime....il tuo post e il video sono sublimi!
    grazie per questa meravigliosa e gioiosa news :-)
    mi hai fatto venire voglia di fare un post sullo speciale incontro che ho avuto quest'estate con un uccellino che ha trovato riparo nella nostra terrazza...presto ti farò voce e son certa ti piacerà
    un saluto solare e buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima Silvia, sono contenta che ti siano piaciuti!
      Raccontaci del tuo incontro, dai, siamo curiosi....

      Elimina
  6. Ciao Ila! colgo l'occasione di questo post per ringraziarti per avermi fatto scoprire le palle da appendere, sabato le mie prime due palline sono state letteralmente sbranate!
    Le ho appese ad un trespolino di ferro battuto con una cincia in ferro (che sembra vera) comprato alla fiera di Colorno ed è stato un continuo via vai di cince per tutto il giorno....si aggirava anche il pettirosso ma non si avvicinava alle palle, forse intimorito dalla cincia di ferro? Comunque ieri ne ho appese altre in altre posizioni, vediamo se anche il pettirosso riesca a sfamarsi.
    E' uno spettacolo che mi incanta (e mi fa perdere un sacco di tempo :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sabri! Sono contenta di leggerti!
      Hai visto che soddisfazione?
      Hai fatto benissimo a mettere le palle di grasso, così si abituano già da ora e se poi nevica sanno dove trovare cibo.
      Il pettirosso è molto più schivo delle cince e forse preferisce i semi, infatti l'anno scorso andava molto più spesso nella mangiatoia sotto il ciliegio, più riparata e vicino alla siepe.
      Però quando nevicava arrivava sul balcone a due metri da me, a beccare i semi!
      Magari spargine un pò sul prato e vedrai che li prenderà.
      Il tempo che dedichiamo a loro non è mai perso, per me è quasi una terapia!
      Un abbraccio forte forte e commenta pure quando riesci, mi fa molto piacere!

      Elimina
  7. Il canto degli uccelli, è ancora 1 di quelle cose ke riescono a rallegrarmi ed è x ciò ke, da quando il maledetto Punteruolo Rosso ha fatto sì ke tagliassero la grande palma ke li ospitava accanto alla mia terrazza, io ho pianto, così come quando vedo immagini strazianti dello stra-maledetto bracconaggio ke, nonostante i divieti, abbatte senza pietà sia i bei pettirossi, ke ogni altra specie di volatile... non mi resta ke piangere !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La penso come te.
      Putroppo al mondo ci sono ancora tante persone incivili e senza cuore.
      Noi però possiamo fare del nostro meglio per sensibilizzare gli altri attraverso il blog e non solo, forse sarà solo una goccia nell'oceano ma in qualche modo bisogna pure iniziare.
      Ciao FioreSanRemo, grazie del commento.

      Elimina
  8. Ogni mattina lo scorso inverno, preparavo pezzetti di mela, briciole di pane e biscotti per gli uccellini del mio giardino; merli, passerotti, ma il piccolo pettirosso era il primo ad arrivare e appena mettevo il naso fuori casa cominciava a cinguettare e così tutte le mattine fino alla fine dell'inverno, tanto che avevo finito coll'affezionarmici... l'altro giorno ne ho visto uno becchettare tra le foglie della siepe... mi piacerebbe tanto che fosse ancora lui!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe essere lo stesso dell'anno scorso oppure un suo parente...
      Magari il tuo amico pettirosso ha nidificato lì e fra qualche anno ce ne saranno ancora di più...
      Continua con il cibo, mi raccomando, così quando farà più freddo sapranno dove andare!
      Bacioni Lolle.

      Elimina

Sarò felice di leggere e replicare quando possibile tutti i vostri commenti!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...