sabato 29 dicembre 2012

Come far durare la stella di Natale


 


La stella di Natale è dei fiori più acquistati e regalati del periodo Natalizio. 
L'euphorbia pulcherrima, conosciuta con il nome popolare di stella di Natale appunto, in dicembre si trova in vendita in vaso presso ogni negozio di fiori, vivaio, ipermercato o stand di piazza  di diversi colori, specie, e dimensioni.
Si presta per addobbare le case durante le feste, ma può essere utilizzata anche in altri ambienti, come nel caso della serra qui di fianco, dove è stato realizzato un intero albero di natale di sole euphorbie pulcherrime!

Quando le feste finiscono però, sono pochissime le persone che riescono a far durare le stelle di Natale nel tempo, magari fino all'inverno successivo.
Per riuscire in questo intento bisogna innanzitutto conoscere bene le loro caratteristiche.

L'euphorbia pulcherrima, o poinsettia, è una pianta originaria del Messico, idonea ad ambienti riscaldati, con temperature non inferiori ai 14 gradi, da posizionare al riparo da correnti d'aria, ma lontano da stufe, caminetti e termosifoni.
Essendo una pianta del tipo foto-periodica o brevidiurna, regola i suoi ritmi di fioritura e fotosintesi sull'intensità e sulla quantità di luce che percepisce; per questo motivo fiorisce quando la luce nell'arco della giornata è inferiore a 12 ore.
 
 
Una volta terminata la fioritura, la stella fisiologicamente perde parte delle foglie o può apparire secca, e si può compiere l'errore di buttarla credendo che sia morta, in realtà se quella che avete acquistato è dotata di un buon apparato radicale, potrà continuare il suo ciclo vegetativo e rifiorire il prossimo inverno.
Quando le foglie rosse si saranno seccate, potranno essere rimosse con l'aiuto di una lama ben affilata avendo la precauzione di indossare dei guanti, per non entrare in contatto con il lattice contenuto negli steli e nelle foglie, che può essere urticante.

In aprile si deve portare all'aperto, posizionata all'ombra, e se è cresciuta troppo, in estate, fino al mese di agosto, si può effettuare una potatura leggera, ma non oltre agosto, quando inizierà la sua induzione a fiore.
Nei mesi di ottobre o novembre la stella di Natale dovrà essere ricollocata in casa, inizialmente in un luogo piuttosto buio, in cui riceva al massimo 8 ore di luce al giorno, lontano da fonti di luce artificiale (lampadine, televisioni ecc.), al fine di agevolare la crescita di nuove foglie dal caratteristico colore rosso, e di nuovi rami.
Potrà essere spostata in dicembre in ambienti più luminosi per godere della fioritura nel periodo natalizio.
La temperatura degli ambienti interni dovrà essere compresa tra i 15 e i 24 gradi.
 

Al contrario di quanto può sembrare, quelli che consideriamo i fiori in realtà sono le foglie, dette brattee, che assumono il caratteristico colore rosso acceso in inverno; il vero fiore è all'interno, al centro delle brattee, piccolo e di colore giallo.
Secondo la varietà della pianta, possono assumere tonalità che spaziano dal bianco, al rosa, al rosso cupo e al rosso acceso, anche a fiore doppio o con petali stropicciati, tutte molto belle.



Marta di Ortinprogress.blogspot.it nel suo post sullo stesso argomento, riassume alcune utili condizioni al mantenimento della stella di Natale e qui sotto ve le ripropongo:

1 - acquistate piante non troppo piccole superiori ai 5 cm in quanto spesso sono talee uscite dal vivaio con radici scarse, mentre per la sopravvivenza serve un esemplare con un buon apparato radicale autosufficiente. 
Anche se il vaso è grande, verificate alla base lo stato di radicazione, per quanto possibile. 
Tenete presente che le piante azzurre sono state innaffiate con coloranti;
2 - mantenete le piante in un punto illuminato della casa durante l'inverno, innaffiate e tenete lontano da fonti di calore;
3 - in primavera, portate la pianta all'esterno in un posto con ombra luminosa (sotto un albero, ad esempio, così sarà protetta dalla grandine). 

Innaffiate bene tutta l'estate, senza dimenticarla mai, anche se sta in un angolo riparato e fuori mano;
4 - in agosto, quando il caldo è terribile, mettete la pianta in un posto ancora più ombroso, e a fine settembre, o nella prima settimana di ottobre, quando le temperature cominciano ad abbassarsi, ritirate la pianta in casa. 

Qualche fogliolina rossa dovrebbe essersi già sviluppata. 

Marta consiglia di ricoverare in casa le euphorbie pulcherrime quando i termosifoni non sono ancora accesi, ma verranno accessi da lì a un paio di giorni, in modo da farle abituare gradualmente alle condizioni del nuovo ambiente.
Se le foglie ingialliscono dopo pochi giorni significa che la pianta ha subito uno shock termico e difficilmente sopravviveranno.



Per chi desidera provare a moltiplicare la stella di Natale per ottenere nuove piantine, in primavera è possibile effettuare delle talee recidendo con piccole porzioni di rami, che dovranno essere fatte radicare in un bicchiere d'acqua, per poi poter essere interrate in vaso e concimate.

Per tutto il periodo della fioritura, l'irrigazione deve essere sporadica, eseguita soltanto quando il terriccio appare asciutto in superficie. 
La stella infatti teme i marciumi e i ristagni idrici, che possono causare malattie fungine ed il veloce deperimento delle radici fino alla morte della pianta stessa.

E' possibile evitare questi problemi facendo attenzione ad evitare l'accumulo di acqua nei sottovasi.
Altra importante accortezza per far rifiorire la pianta è la concimazione, soprattutto nel periodo autunnale o invernale, preferibilmente a base di potassio e fosforo.


Come già accennato, il liquido contenuto negli steli della poinsettia può essere urticante; deve quindi essere tenuta lontano dalla portata dei bambini e degli animali domestici, che se ingeriscono la linfa può provocare vesciche dolorose in bocca, accompagnate da spasmi allo stomaco; il contatto con la pelle può provocare prurito o bruciore temporaneo.

A parte la precauzione nel contatto, e il fatto di essere molto inflazionata nel periodo natalizio, la stella di Natale è una pianta da rivalutare, che in natura o in climi più favorevoli si presta ad essere coltivata in molte forme gradevoli.... (vedi sotto)!
 

A proposito di verde natalizio leggi anche: Dà un tocco green al tuo Natale!
*************************************************************************************************************

8 commenti:

  1. Mia mamma è una di quelle che riesce sempre a farle sopravvivere!
    Ilaria, ti faccio tantissimi auguri di un gioioso 2013! Sperando di poterci rivedere presto :)

    RispondiElimina
  2. Pensa che in giro i vivaisti si lamentano di averne vendute poche per Natale, e di averne i magazzini pieni. Quando scopriranno che diamo suggerimenti per farle sopravvivere fino all'anno dopo, ci daranno la caccia! Buon 2013 Ilaria,ci sentiamo presto e grazie per la citazione!

    RispondiElimina
  3. Grazie per gli utilissimi consigli.Me ne hanno regalata una, dunque ci proverò! Anche se temo non sarà facile.

    RispondiElimina
  4. Anche io ringrazio dei consigli....quelle povere stelline, che non riesco mai a far sopravvivere.
    Una si sta già seccando, non era vicina al termosifone...ma nemmeno lontana...ihihihi!
    L'altra screziata di bianco sta resistendo!
    Un bel salutone di auguri per l'inizio del nuovo anno!

    RispondiElimina
  5. Giro il tuo post a mia mamma che ogni anno miete vittime...
    Ti mando un buon saluto...e buon Capodanno :)

    RispondiElimina
  6. Grazie ragazze, anch'io sono tra quelle a cui non sopravvivevano...
    Ora con queste dritte non si può più sbagliare!
    Ciao a tutte quante e buon anno!

    RispondiElimina
  7. Lella sorellina1 gennaio 2013 18:23

    Scusa Ila ma per la mia è troppo tardi....
    Proverò con i tuoi consigli l'anno prossimo.Tanti auguri per un 2013 meraviglioso!!

    RispondiElimina
  8. Credo che le Stelle di Natale siano contente di avere queste attenzioni, perchè spesso le consideriamo solo come una nota di colore, o un simbolo limitato ai pochi giorni del Natale. Quindi grazie da parte delle "stelle" e buonissimo anno.

    RispondiElimina

Sarò felice di leggere e replicare quando possibile tutti i vostri commenti!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...