sabato 14 luglio 2012

Stessa spiaggia... stesso mare?

Siete pronti per le meritate vacanze estive?

Se siete amanti del mare e volete preservarlo, leggete i consigli di Legambiente. 

Mia mamma al mare negli anni 60!!!
All'inizio dell'estate, come ogni anno, Legambiente, associazione impegnata nella promozione del turismo sostenibile, ha pubblicato il Decalogo dell'Eco-Bagnante.
Sono dieci semplici regole da rispettare in spiaggia e in mare per non contribuire all'inquinamento delle coste e dei mari, già tanto compromessi:
Ve le riporto così come le ho trovate e spero che tutti trovino naturale seguirle.


1 – Non usare il mare e la spiaggia come una pattumiera.
Bottiglie di plastica e lattine delle bibite abbandonati nell’ambiente vi restano per anni. Le borsine in plastica se gettate in mare causano la morte per soffocamento di animali marini come le tartarughe, i delfini e le balene che li scambiano per plancton, il loro cibo prediletto.

2La sabbia non è un posacenere.
Ogni sigaretta o filtro abbandonato si decompone in ben cinque anni.
Una sola "cicca" di sigaretta inquina un metro cubo d'acqua.

3Non usare shampoo e bagnoschiuma quando sei in spiaggia.
Dalle docce si trasferiscono in mare inquinandolo.

4Non fare razzia di tesori marini.
Il mare non è una bancarella dove cercare dei ricordini della vacanza, come conchiglie, sabbia, sassi, coralli, stele marine, cavallucci marini etc.

5Rispetta il divieto di navigazione sotto costa per le barche a motore
Fai attenzione alle boe di segnalazione dei subacquei.
La distanza consentita è di 300 metri dalle coste sabbiose e 150 metri dalle scogliere.

6- Spegni il motore a barca ferma
Una buona abitudine che ti permette di risparmiare combustibile, di non produrre inquinamento acustico e in più non corri il rischio di falciare i natanti.

7Non accendere fuochi sulla spiaggia.

8Rigetta in mare i pesci di piccola taglia. Non pescare specie protette.
Consulta il regolamento comunitario per il Mediterraneo per conoscere le taglie minime autorizzate.
Pescare datteri è un reato.

9Utilizza mezzi pubblici per i tuoi spostamenti nelle località marine.
Scegli quelli a basso impatto ambientale e i collegamenti via mare con i battelli.

10Vigila sull’ambiente
Segnala al Comune, alla Capitaneria di Porto, alla Guardia Costiera oppure al Numero Verde 800 253608 del Noe, il Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri , eventuali scarichi abusivi in mare che hai scoperto e/o comportamenti scorretti di cui sei venuto a conoscenza . 
Ti sentirai parte di una squadra di volenterosi che amano il mare.

Legambiente ha divulgato queste dieci comandamenti del bagnante per tutte le persone che si proclamano amanti del mare, ma spesso con piccoli gesti superficiali arrecano danno all’ambiente marino, purtroppo senza nemmeno accorgersene, a volte anche sotto gli occhi dei figli che un giorno li imiteranno ignari del comportamento sbagliato....

Ecco qualche esempio del tempo di degrado di alcuni dei rifiuti che con leggerezza vengono più frequentemente lasciati in mare o in spiaggia.

TEMPO DI DEGRADO DEI RIFIUTI GETTATI IN MARE
• Fazzolettino di carta               3 mesi
• Mozzicone di sigaretta           da 1 a 5 anni
• Buste di plastica                     da 10 a 20 anni
• Lattine di alluminio                500 anni
• Bottiglie di vetro                    1.000 anni
• Polistirolo                               1.000 anni
• Prodotti di nylon                   da 30 a 40 anni
 
Un'altra regola non scritta da seguire, che può sembrare scontata, ma che è meglio ricordare è staccare dalla corrente tutte le prese degli apparecchi elettrici ed elettronici, quando si parte per le vacanze, che se lasciati in standby, continuando a consumare energia.

Anche Greenpeace è sempre molto attiva nel consigliare scelte ecologiche per le vacanze.

Uno dei suggerimenti riguarda la scelta del mezzo per il viaggio, se possibile da fare in treno o in nave invece che in aereo (che è molto inquinante) e di approfittare del tempo libero per spostarsi a piedi o in bicicletta.

Alcune delle vacanze suggerite da Greenpeace sono: praticare whalewatching, cioè l'osservazione delle balene, visitare le ultime grandi foreste primarie del Pianeta, oppure la foresta africana dei grandi primati, la foresta pluviale Amazzonica, le foreste del Paradiso delle isole del Pacifico o le selve boreali del Nord Europa.
Tutte idee bellissime! Sicuramente non alla portata di tutti, ma senza dubbio interessanti.

L'ecoturismo è una forma di viaggio responsabile in spazi naturali, che contribuisce alla protezione dell'ambiente e al benessere delle popolazioni locali, che si sta sviluppando negli ultimi anni, che si può praticare con diverse mete anche nella nostra bella Italia.
Per maggiori informazioni consultare: ecoturismo-italia.it.
Turismo-sostenibile.org è un sito che si preoccupa di migliorare la sostenibilità delle destinazioni turistiche italiane e promuove l'iniziativa nata tra le Associazioni Albergatori di Rimini e Riccione con Trenitalia e Provincia di Rimini, per ottenere ottimi sconti sulle tariffe ferroviarie per le tratte verso il mare per tutto l'anno 2012.
Consultatelo se avete intenzione di passare le vacanze in Romagna....ma non solo!

E voi, cari lettori, praticate un turismo attento e sostenibile?

Spiaggia di Brighton - estate 2011

10 commenti:

  1. Che bella la foto di tua mamma, Ila !!! ^_^
    Ottimi i suggerimenti, è sempre bene ricordarsi di quali siano le conseguenze dei nostri gesti, anche quelli che ci sembrano banali, ma che hanno comunque delle conseguenze.
    Brava !!
    Ciao ^_^

    RispondiElimina
  2. L'ennesimo meraviglioso post... lo condivido subito su acebook!
    La tua mamma al mare... meravigliosa!

    RispondiElimina
  3. Ciao Ilaria ..il tuo post andrebbe ingigantito e reso molto visibile perchè in giro c'e' certa gente!!!!!!!!Mi unisco ai tuoi sostenitori, ci terremo in contatto, e con calma visiterò ancora il tuo blog..., mi piace troppo!!!!!!
    Grazie del commento al post delle farfalle !!!!
    A presto..
    Patry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ragazze!
      Come al solito troppo carine!!!
      Per lettrici attente e sensibili come voi è un piacere scrivere..
      Ciao a tutte al prossimo post!

      Elimina
  4. anche io ho condiviso questo post su FB! e tua mamma è strepitosa!

    RispondiElimina
  5. Che classe la tua bellissima mamma!!!
    tantissimi baci Sara..a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie donne!
      Mia mamma sarà felice quando le dirò di tutti i complimenti che le avete fatto!!!
      In effetti da giovane era elegante e carina e anche la foto per quei tempi è stata fatta ad arte...
      Ora ha 73 anni ed è un pò cambiata, ma per me è sempre bella anche se stropicciata.

      Elimina
  6. Ciao Ilaria bella la tua mamma, ti assomiglia tanto. Al primo impatto pensavo fossi tu.
    Grazie per la tua campagna di sensibilizzazione. Purtroppo in giro ci sono ancora tanti maleducati e insensibili che non hanno rispetto dell'habitat in cui vivono. Mi copio gli indirizzi e farò affiggere il manifesto al lido di mio cognato a Palinuro. Dove nonostante sotto l'ombrellone è presente il posacenere, il bagnino sta sempre con il retino a raccogliere i mozziconi. Un forte abbraccio

    RispondiElimina
  7. Poche e semplici regole ... che alle persone civili possono sembrare scontate, invece pare che ancora molti abitanti di questo mondo le ignorino grandemente! Grazie della campagna Ila, anch'io ci tengo molto! P.s.: complimenti alla mamma, molto affascinante, e anche al fotografo, scatto perfetto!

    RispondiElimina
  8. Lella sorellina3 agosto 2012 12:49

    Bella mami!!!!!Non avevo mai visto questa foto...
    Ciao tata Ila

    RispondiElimina

Sarò felice di leggere e replicare quando possibile tutti i vostri commenti!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...