giovedì 21 marzo 2013

Aspettando nuovi inquilini



Come ho già scritto più volte nei vari post che ho dedicato con grande gioia agli uccellini, le casette nido vanno posizionate fuori prima possibile, in modo da dare il tempo agli uccellini di ispezionarle e di capire se possono fidarsi a sceglierle come nido, prima che inizi la stagione della cova.
Inoltre bisogna seguire una serie di precauzioni, come l'altezza antigatto, l'inclinazione verso il basso, i buchi di drenaggio, la regolazione del foro, l'orientamento, ecc. ecc., spiegate nel dettaglio proprio nell'articolo relativo alle casette nido pubblicato l'ottobre scorso. 

Dopo aver messo in atto tutte le misure necessarie per fare in modo che le nostre casette nido offrissero la massima ospitalità, (all'epoca ne avevamo solo due) l'estate scorsa quella arancione della prima foto, posta tra le fronde dell'ontano, aveva riscosso un notevole successo ed era talmente piaciuta ad una coppia di cinciallegre da costruirci il nido.
Vi ricordate le foto che siamo riusciti a scattare alla cincia durante la preparazione del giaciglio dove deporre le uova?
Che emozione quel giorno!
Rinfrescatevi la memoria, leggete, ma soprattutto guardate: Cinciallegre al lavoro!
Per non parlare dell'immensa gioia quando facendo giardinaggio un sabato mattina abbiamo sentito i flebili cinguetii di diversi individui dentro alla casetta! Piccole cinciallegre in arrivo

Spero tanto che quest'anno i pennuti frequentatori del giardino (e sono tanti) ci ridiano la stessa fiducia e utilizzino tutte le casette, predisposte per loro con grandi aspettative!
In questo momento ce ne sono ben 6 !!!
Un paio le ha costruite mio suocero proprio per noi (vedi seconda e terza foto), è stato bravo vero?

La casetta acquistata in Umbria, probabilmente la mia preferita, già dopo pochissimi giorni dal posizionamento, veniva giornalmente perlustrata dai piccoli, vivaci e tondi codibugnoli che incuriositi ci si avvicinano spesso e volentieri.



Se ne intravede uno proprio sul ramo sopra la casetta nell'immagine successiva.
Riuscite a scorgerlo mimettizzato nei colori di sfondo?
Scriverò presto di questo sorprendente uccellino, che conosco da pochissimo tempo, (ma che già adoro) non avendolo mai visto prima di quest'anno.



Per chi si avvicina solo ora all'incredibile mondo degli uccellini selvatici frequentatori di giardini, ma vuole saperne di più, suggerisco di leggere uno dei miei primi post: Un giardino per gli uccellini.
Spero di convincere tante altre persone all'hobby del birdgardening!

A presto con nuovi aggiornamenti!

16 commenti:

  1. Quante! Chissà quante foto scatterai, ti riempirai gli occhi e il cuore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così Laura! E non vedo l'ora!!!

      Elimina
  2. Che belle immagini, e che delizie queste casette di legno colorato...in città purtroppo non ne vedo molti, di uccelli, tranne storni, cornacchie, rondini a primavera, merli e tanti gabbiani. Da noi ci sono moltissimi merli che vengono a posarsi sulla grondaia, sopra le mie finestre, e i gatti dietro i vetri fanno dei versi buffi perché non possono prenderli. Che bell'idea mettere delle casette nido in giardino, immagino che emozione osservare gli inquilini e la famigliola che si allarga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non sono tanto lontana dalla città e sono anche a pochi metri dalla Via Emilia, ma nel quartiere ci sono tanti spazi verdi e alberi per cui gli uccellini trovano qui un habitat ideale.
      Inoltre trovando sempre cibo in inverno diventano stanziali e in primavera rimangono in zona (spero proprio nelle mie casette) per dare alla luce i piccoli, che ovviamente ritroverò l'inverno prossimo a divorare le palle di grasso che metto in giro nel giardino.
      Spero proprio di riuscire a vedere qualche movimento inequivocabile.
      Ciao Geillis, grazie di essere passata di qui.

      Elimina
  3. Stupende casette, anch'io ne ho messa fuori una, non bella come le tue, ma spero accogliente per qualche volatile. Di sicuro, ho passato un inverno divertente grazie al tuo suggerimento delle palle di semi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marta!
      Alla fine a loro non fa differenza com'è fatta la casetta, più che altro è per noi umani che vengono più o meno colorate e decorate.
      Sono contenta che il racconto delle mie esperienze abbia reso felici altre persone!
      Buon weekend!

      Elimina
  4. A proposito: buon compleanno, anche se in ritardo!

    RispondiElimina
  5. Che belle casette, é proprio bravo tuo suocero !!!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, è stato proprio carino vero?
      Speriamo che apprezzino anche gli uccellini!

      Elimina
  6. Ah che meraviglia... Leggere del tuo giardino mi fa venire una voglia matta di avere un giardino anch'io!
    Queste casette sono deliziose (tuo suocero è stato proprio bravo!) speriamo che si registri il "tutto esaurito" quest'anno ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Robin, spero tanto che non passino inosservate dai pennuti in cerca di nido!
      Non vedo l'ora di vedere le stesse scene dell'anno scorso quando le cince portavano il prato tagliato dentro al foro!
      Rimani in zona così ti aggiorno.
      Buon weekend!

      Elimina
  7. Bello, bello, bello! Io invidio, per ora, perché anche nei pomeriggi passati in campagna non sono riuscita a scorgere nessun pennuto sui rami degli alberi dove ho posizionato cibo e casette,anche se le colane di arachidi hanno riscosso molto successo. NOn so chi, ma qualcuno se l'è mangiate di sicuro :)
    Spero davvero in nuovi ospiti, forse ho fatto il grosso errore di cambiare di posto alla vecchia casetta dove avevano fatto il nido i codirossi...ù
    Tuo suocero merita un applauso! :)

    RispondiElimina
  8. Ilaria tuo suocero è stato fenomenale! Quelle casette che ha costruito sono perfette. Non vedo l'ora di vedere chi saranno gli inquilini :-)) Io finchè ho la micia non posso mettere le casette, è un'abile scalatrice di alberi e non appena arriva la bella stagione ama stare in giardino e all'aperto... Quindi stavolta non posso imitarti. Con le palle di grasso andavo sul sicuro, perchè la gatta d'inverno sta sempre dentro e diventa un cuscino di pelo... ma adesso la natura si sta risvegliando, e con lei anche gli istinti predatori di Paciocca!! Ma seguirò con grande piacere gli sviluppi di questo piccolo "villaggio" per volatili :-) Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  9. Ciao! Effettivamente avevo pensato anch'io di posizionare una nel mio giardino che e' anche un po' selvaggio e pieno di angoli anche riparati ma la presenza di ghiri mi preoccupa... non sono molto informata sulle loro abitudini alimentari e non vorrei che gli uccellini facessero una brutta fine. Tu cosa ne dici? Posso provare?
    Grazie dell'attenzione, Giulia

    P.S. La foto che mi rappresenta l'ho scattata alle mie due bambine pelose : la micia Notte e la terrier Godot.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia!
      Le casette non interferiscono sicuramente con il ghiro perchè vanno posizionate in rami piuttosto alti, ad almeno 2 metri di altezza.
      Gli uccellini farebbero una brutta fine solo se cadessero dal nido, ma spero di no, poverini!
      Per maggiori delucidazioni sulle casette leggi: "Preparate le casette nido..." dell'autunno scorso e troverai tante indicazioni, che è anche linkato nel post.
      Hai visto che belle le foto delle cinciallegre che fanno il nido in una delle mie casette negli altri post linkati?
      E' davvero una bella soddisfazione, credimi!
      Bellissimi i tuoi animali!
      Ciao cara, buon weekend e ...keep in touch!

      Elimina

Sarò felice di leggere e replicare quando possibile tutti i vostri commenti!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...